Lockheed Martin-Boeing F-22 Raptor

Il Lockheed Martin/Boeing F-22 Raptor è un caccia da superiorità aerea, con caratteristiche stealth, di costruzione statunitense, talvolta classificato dallo stesso Dipartimento della Difesa americano come velivolo da supremazia aerea. Era destinato originariamente ad entrare in servizio come F/A-22, ma quando i primi esemplari sono stati consegnati all’USAF il 15 dicembre 2005, sono stati ridenominati F-22A. L’USAF considera l’F-22A un elemento critico della sua forza d’attacco, e afferma che le sue prestazioni non sono comparabili a nessun velivolo attualmente operativo o in fase di progettazione. Il primo test in volo avvenne il 7 settembre 1997, mentre i primi esemplari prodotti in serie furono consegnati alla base aerea di Nellis, Nevada, il 4 gennaio 2003. La prima unità operativa è stata consegnata al 27th Fighter Squadron. L’F-22 è considerato l’erede dell’F-15 Eagle come caccia da superiorità aerea. L’ultime fonti indicavano che a maggio 2010 erano in attività 168 esemplari di F-22 Raptor. All’YF-22 fu originariamente dato il nome non ufficiale di “Lightning II”, nome che poi è stato scelto per l’F-35 il 7 novembre 2006. Nell’aprile 1992, in occasione di un volo di test dopo l’assegnazione del contratto di fornitura, il primo prototipo ebbe un incidente mentre atterrava alla Edwards Air Force Base, in California. Il pilota collaudatore, Tom Morgenfeld, non rimase ferito e la causa dell’incidente fu attribuita ad un errore del software del sistema di stabilizzazione longitudinale che consentiva, in certe condizioni, l’instaurarsi di oscillazioni non smorzate lungo l’asse di beccheggio. L’altro prototipo era già stato messo a terra per cui l’YF-22 concluse il giorno dell’incidente la sua attività di volo. L’aereo superstite è oggi esposto al National Museum of the United States Air Force presso la Wright-Patterson Air Force Base, a Riverside, vicino a Dayton (Ohio). Tra il prototipo YF-22 e l’F-22 di serie sono presenti diverse differenze nella linea. Nell’F-22 la parte anteriore è stata completamente ridisegnata, spostando la carlinga in avanti e le prese d’aria indietro per migliorare aerodinamica e visibilità per il pilota. Le ali, di forma trapezoidale, hanno una freccia meno marcata ed un allungamento maggiore, con estremità tronche. Le derive sono più piccole e i piani di coda sono stati risagomati e ingranditi dopo diversi test nel tunnel del vento, test che hanno anche portato all’eliminazione del freno aerodinamico dorsale. La retrazione del carrello principale avviene lateralmente nell’F-22 mentre nell’YF-22 avveniva frontalmente. Le opportunità di esportazione dell’F-22 Raptor, al contrario di molti altri caccia statunitensi come l’F-15 e l’F-16 ordinati anche all’estero in grande quantità, sono attualmente inesistenti, poiché l’estrema sofisticazione delle tecnologie adottate può rappresentare una seria minaccia per gli stessi Stati Uniti se ne fosse stato concesso l’utilizzo a forze aeree straniere. Il generale Ze’ev Snir, comandante dell’Heyl Ha’Avir, l’aeronautica militare israeliana (IAF), disse: “L’IAF sarebbe felice di schierare nelle proprie linee 24 F-22A, ma il problema a questo punto è il rifiuto degli USA di vendere il velivolo, ed il prezzo di 200 milioni di dollari ciascuno”. Anche l’Australia avrebbe espresso il desiderio di acquistare un certo numero di F-22, invece dell’F-35 inizialmente ordinato. Nel febbraio 2008, il segretario alla difesa Robert Gates dichiarò che non erano presenti obiezioni per la vendita dei Raptor all’Australia, ma il Congresso avrebbe dovuto modificare alcune leggi. Il governo giapponese mostrò grande interesse nell’acquisto di alcuni esemplari dell’F-22A da consegnare alla sua forza aerea (JASDF). Questa richiesta, comunque, aveva bisogno dell’approvazione del Pentagono, del Dipartimento della Difesa e del Congresso degli Stati Uniti, per cui fu disattesa. L’F-22 Raptor può arrivare ad una velocità max di 2,25 Mach ovvero 2.410 km/h e arrivare ad un altitudine di quasi 20.000 metri.

ARMAMENTO
Il Raptor è stato progettato per operare in diversificate missioni, stivando i suoi missili aria-aria all’interno della fusoliera in modo da minimizzare il riflesso intercettato dai radar. I missili vengono lanciati con l’ausilio di braccia idrauliche che li lasciano cadere al di fuori dell’aereo in modo da poter richiudere tempestivamente i portelli d’apertura della stiva. Può trasportare bombe come le JDAM, in particolare la LMTAS/Boeing GBU-32, e le Small Diameter Bomb (SDB) con guida GPS, come le GBU-39, utilizzate principalmente per neutralizzare i radar e i sistemi di difesa aerea nemici. Il velivolo, inoltre imbarca un cannone rotante M61A2 Vulcan da 20 mm con 480 colpi, scaricabili in approssimativamente 5 secondi di fuoco continuo.
La capacità del Raptor di poter sostenere una velocità di crociera supersonica e una tangenza operativa molto elevata aumenta significativamente la gittata effettiva degli armamenti aria-aria e aria-suolo. Questi fattori hanno inciso molto sulla decisione dell’USAF di non equipaggiare l’F-22 con un armamento a lungo raggio. All’AIM-120C, è stato infatti preferito il MBDA Meteor, anche se l’USAF ha comunque intenzione di dotare i suoi aeromobili con il prossimo AIM-120D AMRAAM, che a breve rappresenterà l’ultima versione dell’ AIM-120. Altra arma a corto e medio raggio è rappresentata dal Raytheon AIM-9X, missile a corto raggio a guida IR, equipaggiato col sensore all-aspect cioè con capacità di ingaggio bersagli non in asse fino a 90 gradi rispetto alla direzione di volo dell’aereo lanciatore.
Il Raptor, quindi, è in grado di raddoppiare l’effettiva portata dei suoi armamenti fornendo loro una velocità ed un’altezza superiori rispetto a quelle di un velivolo utilizzato come piattaforma di lancio convenzionale. Nei test effettuati con una JDAM da 1.000 lb a 15.000 m di altitudine, è stata rilevata una velocità media di quest’ultima di circa 1.5 Mach, colpendo l’obbiettivo a circa 39 km di distanza.
In altre configurazioni è possibile trasportare ulteriori carichi esterni utilizzando i quattro agganci subalari in grado di sostenere un peso di 5000 lb ciascuno, con un pilone su cui può essere collocato un serbatoio esterno sganciabile da 600 galloni (2 268 l) o un pod in grado di ospitare due missili aria-aria. Aggiungendo armi o componenti esterni, queste possono compromettere le capacità stealth dell’aereo e diminuire la manovrabilità, la velocità e il raggio d’azione (tranne nel caso in cui si usino serbatoi esterni). I due punti d’aggancio interni sono dedicati ai serbatoi esterni di carburante che ne permettono anche lo sgancio in volo, riacquistando le capacità stealth e le performance in seguito all’esaurimento delle riserve esterne. Attualmente sono in corso ricerche per sviluppare piloni ed armamenti stealth che non comprometterebbero l’invisibilità del velivolo aumentando così il carico utile.

CAPACITA’ STEALTH
La ridotta traccia radar è ottenuta tramite profili aerodinamici e tecniche all’avanguardia, come materiali radar assorbenti, prese d’aria a forma di “S”, parti e condotti che riflettono le onde radar sul motore e che tendono a raffreddare i gas di scarico per una low-observance anche ai sensori infrarosso, il progetto dell’F-22 ha posto maggiore importanza a diminuire la rilevabilità non solo al radar, ma in tutto lo spettro dei sensori, tra cui trasmissioni radio, emissioni infrarosse ed acustiche.
L’F-22 necessita di manutenzione della pellicola RAM (Radar Absorbent Material) a differenza dell’F-117 Nighthawk, il quale necessitava di un design a sfaccettature multiple più accentuato per aumentare la sua stealthness.
Con i dati disponibili oggi sul grado d’invisibilità ai radar dell’F-22, poiché quelli ufficiali sono segreto militare, si potrebbe ipotizzare una Radar Cross Section (RCS), che rappresenta l’unità di misura della riflettività radar di un oggetto, pari a 0,008 m² cioè la grandezza di una palla da tennis.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Aerei da guerra, Caccia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...